Le origini di una collezione

Monete oro Regno d'Italia
Monete oro Regno d’Italia

Difficile trovare una sola persona che nella vita non abbia collezionato qualcosa; un fumetto o un francobollo, un trenino o una cartolina, una moneta o una banconota…

Generalmente cominciamo già da piccoli, quando il nonno o i nostri genitori accendono quella scintilla che spesso ci accompagnerà poi nella nostra vita da adulti. A me personalmente è successo esattamente così, il primo trenino Marklin regalato quando avevo 5 anni e mi ritrovo adesso con la passione per questi veri capolavori in miniatura…

Chissà se c’è un nesso o un senso logico in tutto questo, forse il desiderio inconscio in tutti noi di voler ritornare bambini. E così finiamo con cominciare degli hobby e delle collezioni legate proprio a quel primo regalo ricevuto a Natale sotto l’albero o per il nostro compeanno. Può darsi che così facendo cerchiamo di cacciare via tutti i problemi della nostra vita, ci vogliamo anestetizzare per quei pochi minuti al giorno senza pensare ai dipendenti che non si applicano sul lavoro come noi vorremmo, oppure il collega che proprio non sopportiamo, oppure il figlio che vuole uscire con gli amici e non riusciamo a stare sereni fino a quando non è tornato…

Quartina Gronchi Rosa su busta viaggiata
Quartina Gronchi Rosa su busta viaggiata

Ecco, le collezioni e gli hobby ci proiettano in un mondo parallelo dove tutto è bello, tutto è spensierato, tutto è perfetto… E noi vogliamo proprio quello. E sempre più spesso ci è difficile staccarci da questo mondo parallelo, si andrebbe avanti tutta la notte fino al giorno dopo, ma domani bisogna andare al lavoro, portare i bambini a scuola o il cane al giardino, per oggi non c’è più tempo.

A volte succede anche, ma raramente secondo me, che le collezioni non siano legate alla nostra infanzia ma a gusti ben precisi che sviluppiamo nel corso della nostra vita o in base al lavoro che facciamo. Da bambino, nessuno ci regala una pipa, un pacchetto di sigarette o una lattina di birra eppure anche in questo campo ci sono fior fiore di collezionisti e spesso queste collezioni più “di nicchia” non sono meno onerose di quelle classiche.. Anche qui i pezzi rari si pagano profumatamente ma il gusto di poter aggiungere anche un solo pezzo alla nostra collezione, è impagabile.

E poi qui vorrei sfatare un mito che mi ha accompagnato fin da bambino per tutti questi anni e vorrei che chi leggesse questo blog lo recepisse come una vera e propria filosofia di vita.

“Il collezionismo non è investimento, l’investimento non è collezionismo”

Vecchia cartolina di Terni
Vecchia cartolina di Terni

Mio padre era un commerciante di francobolli e monete e io per molti anni ho lavorato in negozio con i miei genitori a contatto di persone che collezionavano di tutto. Erano anni che spendere 100-200.000 lire al mese per il proprio hobby era alla portata se non di tutti, sicuramente della grande maggioranza di persone. Giornalmente vedevo persone acquistare Buste primo Giorno, quartine o addirittura fogli di francobolli, monete della Repubblica, di Vaticano o di San Marino, Francia, Malta, SMOM ecc. ecc. chi più ne ha più ne metta…

Ma quasi tutti avevano un denominatore comune, quasi tutti ci facevano la stessa identica domanda: “Se un domani dovessi rivendere la mia collezione, ci guadagnerò?” Ecco se voi pensate o vi fate questa stessa identica domanda, non collezionate mai nulla, non è questo l’approccio giusto di un collezionista, il collezionismo è passione, il collezionismo è trovare un pezzo che non avevamo ancora e che chiude quel “buco” così brutto da vedere… il collezionismo è spendere dei soldi perché ce lo possiamo permettere e anche spendendoli non stravolgiamo il nostro stile di vita.

Trenini
Trenini

Se invece vogliamo investire andremo su altre tipologie di merce che però poco hanno a che vedere col puro collezionismo, compreremo monete d’oro, oppure pezzi unici e pregiati di qualunque settore, i pezzi rari un mercato lo conserveranno per sempre, e questo per un semplicissimo motivo. Con la crisi di questi ultimi anni è diventato sempre più difficile soddisfare i nostri capricci, tutta quella marea di persone di cui parlavo prima e che dedicavano mensilmente una parte del proprio stipendio alla propria collezione, ora non ci sono quasi più. Ma il pezzo RARO il suo mercato lo avrà sempre perché le persone ricche invece continuano ad aumentare e le persone ricche, pezzi unici e di grande valore, se li possono permettere.

Questo blog che noi abbiamo voluto chiamare non a caso “tuttocollezioni” ha come scopo primario di dare una voce a TUTTE le collezioni, anche quelle molto di NICCHIA di cui poco si trova anche navigando in rete.. Cercheremo sempre di fornirvi gli articoli più freschi ed esaurienti possibile, con esperti del settore pronti in qualunque momento a fornirvi il massimo delle informazioni e chissà che seguendoci più o meno assiduamente non scatti anche in voi quella molla che noi che ci siamo già dentro chiamiamo “collezionismo”…

Difficile trovare una sola persona che nella vita non abbia collezionato qualcosa; un fumetto o un francobollo, un trenino o una cartolina, una moneta o una banconota…

Link intermo  tuttovideo.stream